Archivio Attivo Arte Contemporanea http://www.caldarelli.it

 

Minor White
Life is Like
a Cinema of Stills

a cura di:
Filippo Maggia
testi di:
Walter Guadagnini
Filippo Maggia
Baldini & Castoldi 2000
169 pp . 27x24 cm
ill b/n e col.
lingua: ital/ingl/ted.

Il volume è stato edito in occasione dell'omonima mostra itinerante dedicata al fotografo americano Minor White (1908-1976) ideata e curata dalla Galleria Civica di Modena, nella persona del suo curatore Filippo Maggia. La rassegna è stata presentata al Museo Rupertinum di Salisburgo (19 ottobre-3 dicembre 2000) alla Galleria del Gruppo del Credito Valtellinese, Refettorio delle Stelline a Milano (19 gennaio-23 marzo 2001) e quindi alla Galleria Civica di Modena di Modena (24 marzo-20 maggio 2001)
"
La straordinarietà di White - ricorda Filippo Maggia nella sua presentazione - consiste nell'aver voluto, sin dall'inizio della sua avventura, vivere e crescere con gli altri e per gli altri, non limitandosi a esercitare la professione di fotografo né concedendosi un conveniente isolamento artistico, bensì stabilendo di compiere questo percorso rendendo costantemente il mondo partecipe della sua conoscenza e maturazione intellettuale e spirtuale con spontanea generosità e naturalezza. ....Si è adoperato nell'insegnamento con grande vigore e sempre in ogni sede nella quale ha operato, ha cercato di ampliarne i confini introducendo nuovi metodi, stimolando i suoi studenti nel liberare se stessi tramite la fotografia, nel ri-conoscersi imparando a vedere cose 'altre' e non soltanto ciò che subito appare, a trasformare il loro fotografare da 'espressivo' in 'creativo'. ...I sentimenti sono il primo campo d'esperienza per Minor White. Spenderà tutta la vita cercando di dar loro un sistema e un ordine, razionalmente traducendoli in immagini".
Lo stile di White era descrittivo, poetico, condotto seguendo l'idea della sequenza che ben rifletteva lo scorrere della sua vita, sempre in viaggio da un luogo all'altro. Viveva la sua esistenza attraverso le sue foto, nelle quale riversava un profondo coinvolgimento emotivo e creando atmosfere di alto livello suggestivo. Realizzare e mostrare era per lui un processo terapeutico, le sue foto non erano altro che il racconto autobiografico del viaggio che ognuno di noi compie attraverso la vita, narrato in chiave metaforica. Negli ultimi anni di vita i suoi scatti si arricchirono di grande tensione e si sintetizzarono in un astrattismo di chiara derivazione esoterica con la rielaborazione del tema della rinascita dopo la morta. Sono anni in cui la sua ricerca si concentra anche sull'utilizzo della fotografia come mezzo per rappresentare le possiili confluenze fra arte, religione, psicologia e scienza - le quattro manifestazioni creative.
E' stato certamente un artista non convenzionale che per tutta la vita ha cercato di fotografare le cose "altre", di fissare le forze e la luce che sono dietro la realtà apparente , a tutti percepibili, ma a pochi, come lui, chiaramente visibili.
(R.M.)

 


Il Copyright © relativo ai testi e alle immagini appartiene ai relativi autori per informazioni scrivete a miccal@caldarelli.it
Entire contents are under copyright . All rights reserved. For information write us through E-mail miccal@caldarelli.it

TORNA ALL'INDICE