Archivio Attivo Arte Contemporanea
http://www.caldarelli.it

torna | home

Galleria d'Arte Il Salotto via Carloni 5/c 22100 Como
ANIMA-LI

mostra tematica interdisciplinare
21 febbraio al 1 aprile 2004

 

Rino Crivelli
Il rapanello elicottero

penna biro
per il libro Storia del rapanello canterino - ed. Scheiwiller 2004
cm. 49 x 33


La Storia del rapanello canterino ... comincia così:

In mezzo a un prato cresceva un albero. Poteva essere un faggio o un olmo, oppure un tiglio, era comunque un grande albero ben formato con i rami distribuiti e sviluppati in tutte le direzioni; per quanto avesse più di cento anni non presentava ferite da fulmini, nè corrosioni alle radici. Sviluppava una vasta ombra e ospitava una intera popolazione di uccelli: tra questi era assai noto un grosso merlo vivace e petulante (...)

Rino Crivelli è nato a Milano il 15 settembre 1924. Ha compiuto a Milano gli studi classici e nella stessa città si è laureato in ingegneria. Ha lavorato poi nell'industria fino al 1964. Si dedica in seguito esclusivamente all'attività artistica già iniziata fin dal 1945 con i primi disegni e le prime tele. Pubblica nel 1978 presso l'editore Scheiwiller un libro di illustrazioni e storie "Speriamo almeno che Alice non dica okay". Da una decina d'anni dirada progressivamente i rapporti con la pittura, intesa come illegittima finestra introdotta clandestinamente nella parete. La cangiante pelle pretenderebbe d'essere altro e di più reclamando la sua avventura nello spazio. Nasce così e si moltiplica il popolo di legno: sagome ad altezza umana ritagliate da tavole, incernierate e dipinte da ambo le parti. Attorno a queste s'infittisce per sussurri e cenni, rarissimi gridi, ininterrotto, un flusso disegnativo implacabile, accolto da migliaia di fogli di uguale dimensione (50x35). Da tempo ormai l'autore nutre il sospetto corposo che la scrittura così raccolta, per altro da decifrare, altro non sia che il diario del popolo di legno.

Per conoscere maggiormente Rino Crivelli

torna | home

Il Copyright © relativo ai testi e alle immagini appartiene ai relativi autori per informazioni scrivete a
miccal@caldarelli.it